Guccione vince al Consiglio di Stato per la Provincia di Bolzano

Nel  contesto della gara per l’affidamento del primo project financing italiano relativo ad un carcere, quello della Provincia di Bolzano, difesa da Claudio Guccione, unitamente ai colleghi dell’Avvocatura Provinciale Renate Von Guggenberg, Laura Fadanelli e Alexandra Roilo,  l’impresa di Costruzioni Ing. E. Mantovani, difesa da Maria Alessandra Sandulli, esclusa dalla gara, ha censurato (prima al Tar e poi presso il Consiglio di Stato) la propria esclusione. La Provincia aveva motivato il provvedimento di esclusione per non aver  Mantovani dichiarato una sentenza di condanna, benchè non definitiva, relativa al proprio legale rappresentante cessato dalla carica nell’anno antecedente la pubblicazione del bando; il che, per la Provincia, si è tradotto in una insufficiente e tardiva dissociazione dalla condotta penalmente rilevante  del cessato. La portata innovativa della tematica è tale da aver comportato una rimessione alla Corte di Giustizia UE da parte del Consiglio di Stato della pregiudiziale questione sulla  compatibilità della normativa nazionale sulle cause di esclusione dalle gare con la normativa europea, la quale si è pronunciata favorevolmente con la sentenza 20 dicembre 2017, C-178/16. Il Consiglio di Stato, prendendo atto della decisione dei Giudici Comunitari, ha respinto con sentenza 22 gennaio 2019, n. 544 l’appello dell’impresa Mantovani.

peilex.com/…/Contenziosi-24-gennaio-2019-TopLegal-dal-2004-il-mercato-legale.pdf

peilex.com/…/Guccione-vince-al-Consiglio-di-Stato-per-la-provincia-di-Bolzano-Legalcommunity.pdf

peilex.com/…/Consiglio-di-Stato-si-esprime-sul-project-financing-per-la-costruzione-del-carcere-di-Bolzano-Global-Legal-Chronicle-Italia.pdf

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie in qualsiasi momento. Consulta la nostra